Modellino in scala 1:50 della Fattoria ellenistico-romana di Contrada Ciantro. Realizzato da Alessandro Ficarra ed esposto all’interno dell’Antiquarium Archeologico “D. Ryolo” (sala 9, vetrina 21).

I resti archeologici della piccola fattoria, traslati dall’originaria collocazione, comunque attigua, sono oggi fruibili all’interno del Parco Giochi comunale di Contrada Ciantro.
Le strutture conservate offrono un significativo esempio di istallazione abitativa a carattere permanente, di tipo unifamiliare, il cui impianto risale alla fine del IV sec. a.C. e il suo pieno utilizzo al III/II sec. a.C., così come evidenziato dallo studio dei materiali in fase con i livelli di occupazione. L’evidenza archeologica ha inoltre documentato l’esistenza, sui livelli di abbandono e distruzione dell’edificio tardo-ellenistico, di una fase di frequentazione tra età tardoantica e bizantina, suggerita da una serie di dolia (grossi contenitori per la conservazione delle derrate), forse in fase con un piano d’uso di cui non rimane traccia (IV-V sec. d.C.). In età bizantina (tra VI e prima metà del VII sec. d.C.), infine, un tratto dell’area edificata fu utilizzato a scopo funerario, come documentato da tre sepolture.