Il giurassico a Roccapalumba

Parliamo del diorama che SiciliAntica di Roccapalumba, in totale volontariato e senza ritorno economico, sta’ completando a Roccapalumba.

In realtà il diorama già faceva parte della sezione geologica delle “Stanze del Sapere” nella sede storica di SiciliAntica di via Avellone di Roccapalumba, fin dall’ottobre del 2017.

Le stanze del sapere successivamente si erano arricchite di un’altra sezione chiamata “militaria” dedicata a reperti bellici, prevalentemente, della seconda guerra mondiale e al capitano Serra medaglia d’argento al valor militare, nato a Roccapalumba ma morto a Santa Croce Camarina (Rg).

Ma le stanze del sapere si stavano preparando ad accogliere anche reperti archeologici , in corso ancora di classificazione a cura della Soprintendenza con un team di eccellenti professionisti : Vassallo, Chiovaro e Ianni, del neolitico trovati in contrada castellaccio, uno dei siti più ricchi di ceramica dell’italia meridionale, dove è stato trovato il famoso vaso tricromico di una semplicità e bellezza disarmante.

La novità sta’ nel fatto che il diorama e tutto quanto contenuto nelle stanze del sapere sarà trasferito nel “Polo museale” , in allestimento, nella ex scuola elementare dì Roccapalumba in Largo Roma.

Il polo museale comprenderà la sezione geologica, quella archeologica, quella militaria, sala di proiezione, sala didattica, museo della civiltà del ferroviere ecc ecc.

Il diorama è stato completato oggi ma ancora molto resta da fare.

Si precisa che le stanze del sapere nascono dalla intuizione di Miriam Cerami e Pino Pollina e realizzati dalla stessa Cerami e da Peppe Sferruzza sotto la consulenza tecnica del geologo Salvatore Giglio.

Il polo museale nasce, da una intuizione di Giorgio Mistretta condivisa da Miriam Cerami con il patrocinio del Comune dí Roccapalumba e il fattivo interessamento di Giovanni Spadafora ( Vicesindaco) e Rosamaria Giordano (sindaco).

Stanno, altresì, attivamente collaborando per la realizzazione del “polo” Miriam Cerami, Peppe, salvatore e beatrice Sferruzza, Pino Pollina, Giovanni Capizzi, Giuseppe e Salvatore Sanzone, Paolo e Giovanni Sclafani, Erika Artale, Calogero D’Ambra,supportati dal consenso generale dei restanti soci di Siciliantica di Roccapalumba.Alcuni momenti della costruzione.