CATERINESI DELLA GRANDE GUERRA

È il titolo di un programma che include una serie di manifestazioni e di attività culturali pensate, dalla Associazione SiciliAntica di S.Caterina Villarmosa, per ricordare il Centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Un ricco  programma distribuito nel periodo che va da agosto a novembre 2018 e che si svolgerà interamente presso la Parrocchia – Madrice, nella quale la nostra Associazione vive e, sinergicamente, propone, organizza e arricchisce la vita culturale caterinese.

Nel programma trovano posto mostre, convegni, cineforum, uno spettacolo, una celebrazione eucaristica e altro; tutti momenti improntati alla necessità di far conoscere ai caterinesi, giovani e non, cosa ha significato storicamente questo terribile evento che ha, di fatto, definitivamente unito l’Italia, ma che, nel contempo, ha portato dolore e difficoltà alle famiglie dei nostri avi. Consapevoli che ormai fatti, luoghi, personaggi e date legate a questo importante periodo della Storia d’Italia, sono conoscenze sempre meno presenti nel patrimonio culturale delle giovani generazioni, abbiamo voluto istituire un premio per gli alunni della nostra  Scuola locale.  In collaborazione con la Dirigenza e la Docenza della Scuola Secondaria di Primo Grado, abbiamo richiesto ai nostri alunni di realizzare degli elaborati nei quali, grazie a delle ricerche, sono sostanzialmente chiamati a conoscere meglio la ricca toponomastica del nostro paese dedicata alla Grande Guerra.

Il 5 agosto scorso, presso la Sala degli Arcipreti della Chiesa Madre, è stata inaugurata una mostra che resterà visitabile fino al 21 agosto. In una Madrice affollatissima, le belle considerazioni dell’Ammiraglio Antonio Zanghì, al quale abbiamo più volte espresso la nostra gratitudine per avere dimostrato, fin da subito, vicinanza e disponibilità verso la nostra iniziativa, hanno più volte ribadito la necessità di “ricordare” per non ripetere gli stessi errori. All’Ammiraglio Zanghì abbiamo anche riservato il compito del taglio del nastro inaugurale e l’onore di ricordare i nostri caduti in un momento impreziosito dalla commozione e dal silenzio dei moltissimi presenti.

La mostra è stata fortemente voluta da tutti i componenti dall’associazione culturale SiciliAntica, che ho l’onore di presiedere, e rappresenta un momento importante per cominciare a riflettere su cosa ha rappresentato la Grande Guerra per i Caterinesi. Essa costituisce la sollecitazione iniziale per l’elaborazione di ulteriori approfondimenti che ritengo necessari, per dare una moderna lettura della situazione caterinese del tempo e per apportare le dovute integrazioni alle informazioni che si trovano nel testo del Federico, sulle quali si è sviluppata la successiva produzione letteraria.

Nella mostra è possibile vedere cimeli d’epoca, ricordi e materiali frutto del contributo, della generosità e della collaborazione di importanti istituzioni pubbliche e private, quali: il “Museo dei Combattenti” del Comune di Calascibetta, l’Archivio Parrocchiale della Chiesa Madre, la collezione privata dell’Avv.Pietro Milano, quella del Dott.Liborio Seminatore, quella del Maestro Pippo Nicoletti e di altri possessori di oggetti legati all’evento bellico.

Nella mostra è esposto anche un importante patrimonio fotografico. Questo, costituisce, senza dubbio, un incommensurabile valore aggiunto per la stessa esposizione, in quanto, secondo me, ha il pregio di ridurre visivamente la scala della tragedia mondiale alla dimensione umana della nostra semplice realtà locale. Il grosso delle foto è stato messo a disposizione dall’importante Archivio Familiare dei Fotografi Nicoletti, oggi sapientemente gestito dal M° Pippo Nicoletti che ha curato anche l’allestimento della mostra e la ricerca della documentazione fotografica. Un numero incredibile di fotografie, diplomi, onorificenze e molto altro, invece, è stato messo a disposizione dai tanti caterinesi che hanno, con intelligenza e spirito di comprensione, aderito alla campagna di raccolta documentale promossa da SiciliAntica di Santa Caterina. A tutti costoro va un sincero ringraziamento da parte mia, da parte di tutti i soci di SiciliAntica, dall’intera comunità caterinese e da tutti i numerosissimi visitatori che continuano a venire.

Un forte ringraziamento sento di dovere rivolgere alla Parrocchia “Immacolata Concezione” – Chiesa Madre di S.Caterina, all’interno della quale opera SiciliAntica, e alle associazioni e realtà lavorative, caterinesi e non, che hanno aderito alla nostra richiesta di collaborazione: Associazione Filarmonica Caterinese “M. Di Martino”, Associazione dei Militari in Congedo di Santa Caterina V., Associazione Nazionale Carabinieri, Sezione di S.Caterina V. “M.O. Biagio Pistone M.A.V.M.”, Croce Rossa Italiana – Comitato di Caltanissetta ONLUS – Gruppo territoriale di S.Caterina V.,  Nicoletti Fotografi, Cooperativa “Oikoreuma”, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, “Museo dei Combattenti” di Calascibetta e LEO CLUB di Caltanissetta. SiciliAntica, nella preparazione delle iniziative, ha voluto in tutti i modi coinvolgere altre realtà, inaugurando così un modus operandi che vogliamo continuare a seguire anche per il futuro.

                                                                   Arch.Vito Pietro Giangreco THM